Russi in Italia

Cronologia

1915

gennaio

Igor' Stravinskij è a Roma nel gennaio 1915, "nei giorni del terribile terremoto di Avezzano", alloggia nell'appartamento di Sergej Djagilev e incontra lì Sergej Prokof'ev che l'impresario dei Balletti russi aveva invitato direttamente dalla Russia. Il 14 febbraio al Costanzi assiste alla prima italiana di Petruška per la direzione musicale di Alfredo Casella.
L'Italia acquista significato sempre maggiore per il musicista anche per il legame d'amicizia che stringe con i futuristi italiani, da lui ritienuti "assurdi, ma in modo simpatico": Giacomo Balla, Umberto Boccioni e Filippo Tommaso Marinetti, "una vera balalajka" – ricorderà poi affettuosamente – "un chiacchierone instancabile, ma anche il più gentile degli uomini".

Depero

Fortunato Depero, Marinetti temporale patriottico
www.internetculturale.it/opencms/opencms/immagini_pagine/pag058-g.jpg


L'intesa creativa si concretizza a Milano alla fine dell'anno con 3 serate a casa Marinetti, la "casa rossa": nel "salotto orientale del vate egizio", tra ninnoli e "grossi insetti elettrici" attaccati ai muri, sfilano i volti di Carrà, Boccioni, Mjasin, Prokof'ev, il pianista russo Kpzy, Buzzi, Cangiullo, Rů×ena Zátková, i fratelli Russolo e il duca Visconti di Modrone, direttore della Scala di Milano. Ricorda Francesco Cangiullo:

La sera c'era Grande adunata di musica futurista nel salotto di Marinetti, alla quale rispondevano presente: Luigi Russolo, inventore degli intonarumori; Balilla Pratella e Igor Strawinsky venuto espressamente da Lucerna, assieme al Direttore dei Balli Russi, il principe de Diaghilew, a Missine, primo ballerino, e ad un prodigioso giovanissimo pianista di Pietrogrado, di cui non saprei ricostruire il nome; ma con 2 f, 3 k, 1 w e 1 z forse me la caverei, mancherebbe soltanto una y...

14 febbraio

Il 14 febbraio 1915 al Teatro Costanzi di Roma Sergej Djagilev assiste alla prima italiana di Petruška diretta dal maestro Alfredo Casella.


inverno

Lo scrittore Aleksandr Valentinovič Amfiteatrov collabora con il Teatro alla Scala di Milano per il libretto del Principe Igor' e in questa occasione conosce Ottorino Respighi.



Indietro
Statistiche