Russi in Italia

Nikolaj Pavlovič Ferzen


Luogo e data di nascita: San Pietroburgo, 14(26) giugno 1858
Luogo e data di morte: Roma, 3 novembre 1921
Professione: generale

Figlio del conte Pavel Karlovič Ferzen (1800-1884) e di Elizaveta Fёdorovna von Rauch (1820-1908), discende del ramo svedese dei Ferzen. Dopo aver partecipato alla guerra russo-turca (1877-1878), entra a far parte del mondo di corte come ufficiale di cavalleria, comanda la guardia imperiale, nel 1905 diventa aiutante del Granduca Vladimir Aleksandrovič e nel 1908 è nominato generale.
Sposa Sofija Dolgorukaja (Carskoe Selo, 6 luglio 1870 – Roma 17 novembre 1957), figlia del principe Aleksandr Dolgorukov e di Ol’ga Šuvalova, tratteggiata da Michail Osorgin nei suoi Ricordi come un’intellettuale spregiudicata, amante del teatro di Čechov. Dal loro matrimonio nascono Pavel (1894-1943), Aleksandr, Ol’ga (1904-1996) e Elizaveta (1899-1938).
Nel marzo 1919 il conte e la sua famiglia emigrano da Jalta sull’incrociatore inglese che porta in salvo alcuni membri della famiglia imperiale. A Malta i Ferzen si separano dall’imperatrice Marija Fёdorovna (con loro emigrano anche i principi Feliks e Zinaida Jusupovy), e dal maggio 1919 si stabiliscono a Roma. Nel censimento della popolazione russa in Italia del 1920 la famiglia risulta risiedere al Grand Hotel (ACS. PS. 1921 A11. B. 12. F. 4 Sudditi russi). Insieme a loro giunge in Italia anche la cognata Varvara Aleksandrovna Kočubej (nata Dolgorukova).

A Roma Nikolaj Pavlovič stabilisce contatti con i suoi connazionali e frequenta le attività culturali della Biblioteca Gogol’.

Muore a Roma nel 1921 ed è sepolto nel cimitero acattolico di Testaccio.

Dopo la sua morte Sofija Dolgorukova vive a Roma con le figlie in un appartamento vicino al Gianicolo (via Aurelio Saffi, 24). Dai ricordi di Asja Buckaja, che la conosce negli anni ’50, emerge il ritratto di una personalità molto vivida nell’ambito della colonia russa: alta, spigliata, porta spesso cappelli e abiti lunghi, più intraprendente delle figlie.


Fonti archivistiche

Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, Archivio della Biblioteca Gogol’.

ACS. PS. 1921 A11. B. 12. F. 4 Sudditi russi.

ACS. PS. 1922 A16. B. 27. F. 476 Fersen Alessandro Conte.

 

Bibliografia

S.V. Volkov, Oficery rossijskoj gvardii. Opyt martirologii, M.: Russkij put’, 2002.

V. Gasperovič, M. Katin-Jarcev, M. Talalaj, A. Šumkov, Testaččo. Nekatoličeskoe kladbišče dlja inostrancev v Rime, SPb 2002.

S.V. Volkov, Russkaja voennaja emigracija v Italii, in Russkie v Italii: Kul'turnoe nasledie emigracii. Moskva: Russkij put’, 2006. P. 138-153.

M. Osorgin, Vospominanija, ili Čto ja slyšal i čto ja videl v tečenie moej izni 1861-1920, Moskva 2009.

 

Link

Граф Ферзен Николай Павлович // Сайт «Русская армия в Первой мировой войне» http://www.grwar.ru/persons/persons.html?id=4079 (дата обращения: 14.11.2020).

Буцкая А. Воспоминания (часть вторая) // Литературно-художественный журнал “Меценат и мир” 2014. № 57–60 http://www.mecenat-and-world.ru/57–60/buckaya.htm (дата обращения: 14.11.2020).

 

Bianca Sulpasso

Scheda aggiornata il 15 novembre 2020


Sofija Aleksandrovna Ferzen in costume per il ballo in maschera a corte del 1903



Nikolaj Pavlovič Ferzen in costume per il ballo in maschera a corte del 1903



Indietro
Statistiche