Russi in Italia

Konstantin Ivanovič Gorbatov


Luogo e data di nascita: Stavropol', 5 (17). 5.1876
Luogo e data di morte: Berlino, 24.5.1945
Professione: pittore

Negli anni 1904-1911 studia presso l'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo. Nel 1912-1913 è a Roma come borsista dell'Accademia di Belle Arti, visita spesso Capri, dove stringe amicizia con Maksim Gor'kij e dipinge paesaggi del golfo di Napoli. Come pittore è vicino al postimpressionismo. Nel 1911 vince il primo premio della Mostra internazionale di Monaco. Al ritorno in patria lavora ed espone molto, ma non si integra con gruppi o correnti d'avanguardia, rimane fedele ai suoi paesaggi post-impressionisti e si dedica alla realizzazione di vedute di città del Nord – da Pskov a Novgorod, Uglic, Vologda.

Dopo la rivoluzione d'ottobre, considerando soffocante l'atmosfera sovietica ma dichiarandosi apolitico, emigra nel 1921 con la moglie Olga in Italia. Tra il 1922 e il 1926 vive tra Roma e Capri, dove crea numerose vedute dell'isola e della costiera amalfitana. Nel marzo 1926 espone in una personale a Roma, al Palazzo di Clemente X, che gli fa ottenere il riconoscimento del pubblico italiano:

Ecco ancora la Russia: neve e grigiore: piccoli quadri. Ma vicino il nostro cuore dà un balzo di gioia, che ci chiama l'inno delle nostre gemme: Napoli, Capri, Amalfi, Venezia, Ravello. Tralci di vite, rami carichi di aranci, e terrazze al sole, sul mare nostro: le bellezze del paesaggio e la luce del sole hanno, direi quasi, abbagliato l'artista, che ha veduto bene, anche quando gli accenti della sua calda passionalità, l'hanno portato ad apparenti esuberanze (E. Pennetta, La mostra del pittore Gorbatoff, "Il Messaggero" 14.3.1926).

Il successo gli porta anche richieste di dipinti da parte dei Savoia e di diversi comuni (Capri ed altri). Dal 1926 gira per l'Europa, seguendo le sue personali a Berlino, Amburgo, Monaco, Dresda, Copenaghen, l'Aia, Londra, ma vive soprattutto in Germania. Dal 1940 è costretto a risiedere stabilmente a Berlino sotto il controllo della Gestapo.

 

Fonti archivistiche

ACS. PS. 1927 A16. B. 65. F. Garbatoff Costantino di Giovanni.
L'archivio personale del pittore (insieme con i suoi quadri) è stato trasferito, per rispettare la sua volontà, in Russia presso il Museo Statale Russo (San Pietroburgo), la Galleria Tret'jakov e la Casa-Museo di Maksim Gor'kij (Mosca), il Museo Civico di Istra (Regione di Mosca).


Bibliografia
K. Gavrilin, Il pittore K. I. Gorbatov a Capri, in Capri: mito e realtà nelle culture dell'Europa centrale e orientale, a cura di M. Böhmig, Salerno 2005.
A. Kusakin, Vozvraščenie Konstantina Gorbatova, "Naše Nasledie" 1999 n. 49.
E. Pennetta, La mostra del pittore Gorbatoff, "Il Messaggero" 14.3.1926.
L. Denisova, Konstantin Gorbatov. K 125-letiju so dnja rodenija. Moskva 2001.
AAVV, Konstantin Gorbatov. Al'bom ivopisi grafiki. Moskva 2003.D. Richter, M. Romito, M. Talalay. In fuga dalla storia. Amalfi 2005, p. 22, p. 52.


Nella foto in alto: Konstantin Gorbatov, Venezia, 1913


Michail Talalay
Scheda aggiornata il 12 novembre 2020


Konstantin Gorbatov, Kitezh, 1913



K. I. Gorbatov, Marina caprese. Olio



Konstantin Gorbatov. Capri. Olio, 1926



Konstantin Gorbatov. Capri. 1926



Konstantin Gorbatov. Patio caprese



Indietro
Statistiche