Russi in Italia

Marija Ignat’evna Budberg


Luogo e data di nascita: Poltava, 3 marzo 1892
Luogo e data di morte: Terranuova (Toscana), 12 novembre 1974
Professione: traduttrice

Nasce a Poltava nella famiglia del senatore e giurista Ignatij Pavlovič Zakrevskij (18391906) e di Marija Nikolaevna Borejša (18581919). Nel 1911 lascia la tenuta paterna e insieme alla sorella Anna (1887–1941) si sposta a Berlino, dove sposa il diplomatico conte Ivan Aleksandrovič Beckendorf (1882–1918); dal loro matrimonio nascono i figli Paolo (1913–1996) e Tat’jana (1915–2005). Dopo l’uccisione del marito in circostanze non chiare, ritorna a Pietrogrado, ha una storia sentimentale con l’agente segreto inglese Robert Lockhart (1887–1970), cacciato dalla Russia nel 1918. Nel 1919 è coinvolta da Kornej Čukovskij e collabora al progetto avviato da Maksim Gor’kij della casa editrice “La letteratura mondiale” (Vsemirnaja literatura). Nel 1921 si risposa (ma si lascia dopo poco) con il barone Nikolaj Budberg von Benningshausen (1894–1971).

Dal 1922 al 1933 con brevi interruzioni vive a Sorrento nella villa Il Sorito come compagna di Gor’kij che le dedica il romanzo La vita di Klim Samgin e le affida la procura per le traduzioni ed edizioni straniere dei suoi libri. Ha buoni rapporti con la moglie Ekaterina Pavlovna, il figlio Maksim e la nuora Nadežda; stringe amicizia con gli ospiti di Gor’kij, tra cui Nina Berberova che insieme a Vladislav Chodasevič soggiorna a Sorrento dall’ottobre 1921 all’aprile 1925 e la descrive nel libro Una donna di ferro (Želesnaja zenščina); con Ol’ga Resnevič Signorel li che fa spesso visita allo scrittore e con la quale intrattiene una lunga corrispondenza, conservata alla Fondazione Cini di Venezia.

In questi anni italiani è sempre controllata dalla polizia italiana che la sospetta di duplice spionaggio a favore sia dell’URSS che dell’Inghilterra. Dal 1931 risiede stabilmente a Londra, ma fa frequenti viaggi a Mosca, è presente alla morte di Gor’kij e ai suoi funerali sulla Piazza Rossa.

Nel dopoguerra collabora con la rivista “La France libre” e si dedica alle traduzioni dal russo in inglese, soprattutto dei libri di Gor’kij.


Fonti archivistiche

Fondazione Giorgio Cini, Venezia. Archivio Angelo e Olga Signorelli [47 lettere a Olga Signorelli, 1929–1970].

ACS. PS. PolPol. B. 619. F. Gorki Massimo.

ACS. PS. 1927 A16. B. 111. F. Zakrevsky Anna maritata Kotschoubey.

 

Bibliografia

Берберова Н. Железная женщина. Рассказ о жизни М.И. Закревской-Бенкендорф-Будберг. New York: Russica Publ., 1981.

Берберова Н.  Курсив мой. München: Fink Verlag, 1972.

Архив А.М. Горького. М.: Художественная литература, 2001. Т. 16.

А.М. Горький и М.И. Будберг. Переписка. (1920–1936); Литературное зарубежье России: энциклопедический справочник / под общ. ред. Е.П. Челышева, А.Я. Дегтярева [и др.]. М.: Парад, 2006.

Екатерина Павловна Пешкова. Биография: Документы. Письма. Дневники. Воспоминания / авт.-сост. Л. Должанская. М.: Восточная книга, 2012.


Antonella d'Amelia, Vladimir Kejdan

10 gennaio 2021



Marija Ignat'evna Budberg con H. Wells e M. Gor'kij

Indietro
Statistiche