Russi in Italia

Michail Vodovozov


Luogo e data di nascita: Nikolaev, 22 maggio 1882
Professione: rivoluzionario, ingegnere
Residenza: Milano, via Palestro 12, poi via Ariosto 2

Risulta a Milano dal 1917, è Direttore della Compagnia generale di elettricità (via Savona 99). Dalla partenza di Vasilij Suchomlin (17.6.1917) al gennaio 1918 abita a Milano presso Procovia Gabrikoff. Nel febbraio 1918 si reca a Roma abitando all'Hotel Internazionale vicino a via Sistina 68, dove risiede anche Osip Blinderman.
Viene richiesta la sua espulsione dal Regno per attività sovversiva di propaganda leninista. La moglie Eva Lur'e riceve il foglio di via per Potenza il 30 gennaio 1918, mentre il marito si trova a Roma. È tra i collaboratori del quotidiano socialista "L'Avanti" con lo pseudonimo di Nado; con lo stesso pseudonimo pubblica Il bolscevismo ed il regime dei Soviety in Russia (Milano, Società editrice Avanti, 1920).
A Roma vive isolato, "avversato da tutta la colonia russa" che si riunisce in Via delle Colonnette e che "diffidando di lui gli impedisce di metter piede entro i locali del circolo russo"; è tenuto sotto continuo controllo dalla polizia.

Bibliografia
A. Venturi, L'emigrazione russa in Italia 1917-1921, Milano, Feltrinelli, 1979, pp. 82-83.

Fonti archivistiche
Archivio di Stato di Milano, Gab. Pref. I, cart. 606 - Sudditi Russi.
Archivio Centrale dello Stato, Roma, Ministero dell'Interno, Divisione Affari Generali e Riservati, G4 Propaganda comunista, Circolo russo.

Sara Mazzucchelli, Vladimir Kejdan
Scheda aggiornata al 9 novembre 2012


Indietro
Statistiche