Russi in Italia

Ivan Afanas’evič Grinenko


Luogo e data di nascita: Nežin, 21 gennaio 1882
Professione: pubblicista, agronomo, insegnante

Emigrato dopo la rivoluzione del 1905, vive a Pisa (cfr. la sua corrispondenza con A. V. Amfiteatrov, Manuscripts Department, Lilly Library, Indiana University, Bloomington) e a Roma, dove organizza un servizio d’informazione bibliografica russo-italiana. Nl 1917 fa parte del Comitato di soccorso per gli emigrati politici russi, nel 1918 è membro della Lega russa per il risorgimento della Patria in stretta unione con gli Alleati, se ne allontana nel 1919 per dissidi sulla questione ucraina. Dopo l'avvicinamento ai circoli filo-ucraini in Italia (cfr. i suoi articoli del 1918 sul problema dell’autonomia e del federalismo dell’Ucraina sulle riviste “Nuova rivista storica” e “La Voce dei Popoli”), sempre a Roma Grinenko insegna russo e ucraino nella Scuola di lingue slave e orientali viventi presso l’Istituto per l'Europa orientale (L'Istituto per l'Europa orientale e la sua attività negli anni 1921-1931, Roma, 1931, pag. 101). Sul finire del 1920 comincia a pubblicare sulla rivista vicina al partito repubblicano d’Italia "Echi e Commenti" di Achille Loria, in cui pubblica innumerevoli articoli sui problemi russi e ucraini in italiano (vedi la sezione La Russia nella stampa quotidiana di questo sito). Collabora anche con "L'Europa Orientale". Lavora all'Istituto Internazionale di Agricoltura dal 1916 al 1946 (con brevi interruzioni).
Secondo i documenti degli anni '30 della polizia politica, Grinenko è stato tutta la vita un socialista e democratico, ostile a qualsiasi principio autoritario, quindi nemico dei regimi instauratisi in Italia e Russia  (ACS. PS. PolPоl. B. 663. F. Hrinenko dr.). Nel 1941 dà alle stampe un libro nello spirito della partecipazione italiana alla campagna contro l’Unione Sovietica.

Fonti archivistiche
Archivio Centrale di Stato, Ministero dell'Interno, Direzione generale di Pubblica sicurezza, 1922 А 11. B. 13. F. Lega russa.
Archivio Centrale di Stato, Ministero dell'Interno, Direzione generale di Pubblica sicurezza, 1921 А11. B. 12. F. 4 Sudditi russi.
Archivio Centrale di Stato, Ministero dell'Interno, Direzione generale di Pubblica sicurezza, PolPol. B. 663. F. Hrinenko dr.
Gabinetto Scientifico-letterario G.P. Vieusseux, Firenze. Libro dei Soci n. 19 (4 marzo 1907-25 luglio 1910). XIX 2B.19
ANIMI, Fondo Umberto Zanotti Bianco.
Amfiteatrov mss. Lilly Library Manuscripts Department, Indiana University.

Bibliografia
L’Istituto per l’Europa orientale e la sua attività negli anni 1921–1931. Roma: Ipeo, 1931.
A. Tamborra, Esuli russi in Italia, Bari, laterza, 1977.
A. Venturi, Rivoluzionari russi in Italia, Milano, Feltrinelli, 1978.
U. Zanotti-Bianco, Carteggio 1906–1918. Roma-Bari: Laterza, 1987.
B. Di Porto, "Echi e commenti" un periodico tra le due guerre mondiali. Achille Loria direttore di «Echi e commenti» (1920–1928). Vol. I. T. II. Pisa: SEU, 1989.
S. Garzonio, G. Larocca, Curiosità russo-pisane, "Studi Slavistici" 2011, pp. 317–325.
G. Larocca, I russi e l’Istituto Internazionale di Agricoltura (1905–1945) // Europa Orientalis. 2013, pp. 169–188.

Stefano Garzonio, Giuseppina Larocca
Scheda aggiornata al 1 novembre 2018






Indietro
Statistiche