Russi in Italia

Cecilija Isaakovna Kin


Luogo e data di nascita: Mogilev, 7 maggio1905
Luogo e data di morte: Mosca, 17 gennaio 1992
Professione: critico letterario, pubblicista

Moglie di Viktor Pavlovič Kin, lo segue quando giunge come corrispondente della TASS a Roma. Ricorda quegli anni in Rebus italiano:

(...) passo direttamente all'inizio del 1931, quando siamo arrivati in Italia. Gli ultimi anni erano stati relativamente tranquilli e il regime si era consolidato. Ma proprio nel 1931 l'idillio tra il fascismo e il Vaticano si era rotto... Sfortunatamente entrambi i partiti di massa antifascisti, socialisti e popolari, non avevano fiducia l'uno nell'altro e ciò aveva facilitato a Mussolini la presa del potere.

Dopo il rientro in URSS, quando il marito è arrestato nel 1937 con l'accusa di spionaggio e fucilato, viene condannata a sei anni di detenzione in un lager siberiano. Tornata dalla Siberia, si inventa un nuovo lavoro per sopravvivere:

"nel 1956 una rivista letteraria cercava un consulente per l'Italia. Io allora non sapevo molto dell'Italia, sapevo di più della Francia, tuttavia mi feci avanti ed ebbi l'incarico. Fu così che cominciai a studiare l'Italia, leggendo libri, giornali, periodici" ("Corriere della sera", 18 gennaio 1992).

Inizialmente non le viene concesso di recarsi all'estero e per decenni studia l'Italia dai giornali e dalle conversazioni con gli italiani che frequentavano Mosca. La sua casa diventa un punto di riferimento per molti intellettuali italiani; tra gli amici più cari si ricordano Leonardo Sciascia, Indro Montanelli, Giulio Einaudi, Eugenio Scalfari, Alberto Moravia, Miriam Mafai, Giulietto Chiesa.

È autrice di nove libri, di cui due pubblicati per la prima volta in Italia: Scelta o destino (Milano, Il Lichene, 1988) e Autoritratto in rosso (Roma, Lucarini, 1989). I suoi libri, che riflettono il panorama politico e culturale dell'Italia novecentesca, hanno contribuito in modo determinante in Russia alla diffusione e conoscenza della cultura italiana, con una particolare attenzione per l'area cattolica. Nel 1990 vince il premio Grinzane Cavour e nel 1991 il Racalmare Città di Grotte.

Pubblicazioni
Mif, real'nost', literatura: Ital'janskie zametki, Moskva 1968.
Ital'janskie svetoteni: Zametki o literature i kul'ture sovremennoj Italii, Moskva 1975.
Italija konca XIX veka: sud'by ljudej i teorij, Moskva 1978.
Italija na rubeže vekov: Iz istorii obščestvenno-političeskoj mysli, Moskva 1980.
Ital'janskie mozaiki: Stat'i ob ital'janskoj literature 70-ch gg., Moskva 1980.
Alchimija i real'nos'': Bor'ba idej v sovremennoj ital'janskoj kul'ture, Moskva 1984.
Ital'janskij rebus, Moskva 1991.

Fonti archivistiche
Archivio Centrale dello Stato, Roma, Ministero dell'Interno, Direzione generale della Pubblica sicurezza, Divisione Polizia Politica, b. 685, f. Kin Vittorio.

Giuseppina Giuliano, Vladimir Keidan
Scheda aggiornata al 1 dicembre 2009


Cecilija Kin nella sua casa di Mosca
http://www.eribertoguidi.it/lavoceOmero.html



Indietro
Statistiche