Russi in Italia

Nikolaj Konstantinovič Rerich


Luogo e data di nascita: Pietroburgo, 27 settembre (9 ottobre) 1874
Luogo e data di morte: Kulu (India), 13 dicembre 1947
Professione: pittore, scenografo

Nel 1893 termina il ginnasio privato di K. Mai di Pietroburgo, si iscrive alla Facoltà di giurisprudenza e contemporaneamente all'Accademia di belle arti (è allievo di Čistjakov e Kuindži), che termina nel 1898. In questi anni esegue per la principessa Teniševa alcuni lavori a Talaškino, dove tornerà  tra il 1910 e il 1914 per realizzare gli affreschi della chiesa del paese.
Nel 1900 perfeziona la sua tecnica pittorica a Parigi. Nel 1901 sposa Elena Ivanovna Šapošnikova e diventa segretario della società "Obščestvo pooščrenija chudožestv". Tornato in patria, mosso da interesse archeologico, visita tra il 1903 e il 1904 diverse antiche città russe, che diventeranno un soggetto ricorrente dei suoi dipinti.
Nel 1906 espone alla Mostra d'arte russa di Djagilev al "Salon d'Automne" di Parigi e partecipa, presentando sue opere, alle mostre di gruppi artistici come "Mir iskusstva" (di cui diventa presidente nel 1910), "Sojuz russkich chudožnikov", "Sovremennoe iskusstvo". Tra il 1906 e il 1914 realizza anche numerosi affreschi e mosaici nelle chiese russe e ucraine. Contemporaneamente lavora come scenografo per i teatri di diverse città: Mosca, Pietroburgo, Londra, Parigi – attività che continuerà anche in seguito, disegnando le scenografie per opere e balletti di grandi teatri europei e americani. Una delle sue più rilevanti realizzazioni sono i disegni dei costumi per il balletto di Stravinskij Le Sacre du Printemps, realizzato da Djagilev nel 1913.
Grazie alla sua conoscenza e interesse per l'arte indiana promuove la costruzione del tempio buddista di Pietroburgo, costruito tra il 1909 e il 1915 dall'architetto Baranovskij. Coltiva anche interessi letterari, condividendo in particolare con il gruppo simbolista di Belyj, Blok e Brjusov una tendenza alla coloritura espressiva e all'allegorismo immaginativo.
Tra il 1916 e il 1918 per motivi di salute vive con la famiglia in Finlandia. Inizia ad esporre in Svezia, Finlandia e Danimarca. Nel 1920 si trasferisce in America, invitato dal direttore dell'Art Institute di Chicago. Espone per tutto il paese e riscuote un successo tale che viene fondato a New York un museo a lui intitolato. In America è protagonista di numerose iniziative, come la fondazione del New York Institute of Arts e del centro artistico Cor Ardens di Chicago.
Attratto dal mondo orientale, negli anni Venti organizza una spedizione in India, dove arriva nel 1923; visita diverse città e luoghi caratteristici (l'Himalaya) che gli servono ancora una volta da fonte di ispirazione. Dopo un breve ritorno in America nel 1924, nel 1925 parte nuovamente per l'India per visitare i luoghi, in cui non era ancora stato. Nel 1926 attraverso il Tibet entra in Unione Sovietica arrivando fino a Mosca. Con il permesso del governo sovietico inizia una nuova spedizione sull'Altaj fino ad arrivare in Mongolia. Nel 1928 si trasferisce con la famiglia in India, a Kulu, per poi ripartire l'anno seguente per l'Europa e per l'America. La sua patria permanente rimane però l'India, dove morirà.

Presenza in Italia

La sua prima presenza in Italia risale al 1907, quando alcuni suoi dipinti sono esposti alla VII Esposizione internazionale d'arte di Venezia, Commissario generale Sergej Djagilev, nella XXXI Sala russa: espone Città antica, Gli slavi in riva al Dnepr (pastello), Combattimento. La stampa dell'epoca nota subito il giovane artista:

Sono altresì da rammentare, fra i rappresentanti dell'indirizzo nazionalista, il paesista Konstantin Bogaievsky, con una scena notturna di fattura alquanto arida, ed il giovane Nikolai Röhrich, che ama mettere in scena le antiche e leggendarie genti slave in pannelli di spiccato carattere decorativo, come ad esempio il Combattimento navale, dalle tinte piatte, basse di tono e di contenuta violenza, dal sommario disegno stilizzato e di un'invenzione epicamente fantasiosa (Vittorio Pica, L'arte mondiale alla VII Esposizione di Venezia, Bergamo, Istituto italiano d'arti grafiche, 1907, p. 138).

Altre sue opere sono presentate alla LXXX Esposizione internazionale di Roma nel 1910 e alla XI Esposizione internazionale d'arte di Venezia nel 1914, dove nel Padiglione della Russia vengono presentati i quadri: L'ultimo angelo, Terra lontana (di proprietà della sig. Kamenskaja), Paesaggio nordico (di proprietà di G. B. Sleptiov).

Nel 1923 viene a Roma accompagnato dalla moglie Elena Šapošnikova, e dai figli, Svjatoslav e Georgij, per vedere i suoi quadri esposti alla Galleria nazionale e acquistati dal governo italiano durante l'Esposizione internazionale di Roma del 1910.

Disegni per il teatro
Scenografie per Tri volchva di Evreinov, Starinnyj teatr, Pietroburgo 1907
Scenografie per Sneguročka di Rimskij-Korsakov, Opéra Comique, Paris 1908
Costumi per Knjaz' Igor' di Borodin per la compagnia di Djagilev, Théâtre du Châtelet, Paris 1909
Scenografie per Pskovitjanka di Rimskij-Korsakov per la compagnia di Djagilev, Théâtre du Châtelet, Paris 1909
Scenografie per Peer Gynt di Ibsen al Teatro d'Arte di Mosca (MChAT), 1912
Scenografie per Fuente ovejuna di Lope de Vega, Starinnyj teatr, Pietroburgo 1912
Scenografie per Le Sacre du Printemps di Stravinskij per la compagnia di Djagilev, Théâtre des Champs-Elysées, Paris 1913
Scenografie per Soeur Béatrice di Maeterlink, Teatr muzykal'noj dramy, Pietrogrado 1914
Scenografie per Knjaz' Igor' di Borodin, Royal Opera, London 1914
Scenografie per Noč' na Lysoj gore di Mussorgskij, 1916
Scenografie per Skazka o car'e Saltane di Rimskij-Korsakov, Covent Garden, London 1919
Scenografie per Sadko di Rimskij-Korsakov, Royal Opera, London 1920
Scenografie per Sneguročka, Chicago Opera House, 1922.

Pubblicazioni
Talaškino. Izdelenija masterskich M. K. Teniševoj, SPb 1905.
Pis'mena. Stichi, Moskva 1974.
Iz literaturnogo nasledija, Moskva 1974.
Izbrannoe, Moskva 1979.

Bibliografia

Baltrušajtis Ju.-A. Benua, Rerich, Petrograd 1916.
Bogdanova-Rerich I., N. Rerich, Moskva 1975.
Bowlt J., Chudožniki russkogo teatra. Sobranie Nikity i Niny Lobanovych-Rostovskich, Moskva 1991.
Decter J., Nicholas Roerich. The Life and Times of a Russian Master, London 1989.
Ernst S. K., N. K. Rerich, Petrograd 1918.
Ivanov V. N., Ogni v tumane. Rerich-chudožnik-pisatel', Moskva 1991.
Knjazeva V., N. Rerich, Moskva-Leningrad 1968.
Korotkina L. V., Nikolaj Kostantinovič Rerich, SPb. 1996.
Kuzmin M., Rerich, Moskva 1923.
Kuzmina M. e altri, N. K. Rerich, 1978.
Milner J., A Dictionary of Russian & Soviet Artists 1420-1970, Woodbridge, Sufflok 1993.
Nekljudova M., Tradicii i novatorstvo v russkom iskusstve konca XIX-načala XX veka, Moskva 1991.
Poljakova E., Rerich, Moskva 1973.
Rostislavov A., N. K. Rerich, Petrograd 1918.
Severjuchin D. Ja.-O. Lejkind, Chudožniki russkoj emigracii (1917-1941). Biografičeskij slovar', Spb. 1994.

Musei in cui sono esposte sue opere
Muzej im. N. K. Rericha, Mosca
Tret'jakovskaja galereja, Mosca
Teatral'nyj muzej im. A. A. Bachrušina, Mosca
Russkij muzej, Pietroburgo
Chudožestvennij muzej im. A. N. Radiščeva, Saratov
Victoria and Albert Museum, Londra
Ashmolean Museum of Art and Archaeology, Oxford
Nicholas Roerich Museum, New York

Link utili

Museum Nicholas Roerich, New York - http://www.roerich.org/
http://www.russianculture.ru/formb.asp?id=130
http://www.diaghilev.perm.ru/rierih/9.htm
www.roerich.ru/

Fonti archivistiche
Archivio Centrale dello Stato, Roma,  Ministero dell'Interno, Direzione generale della Pubblica sicurezza, Affari generali e riservati, 1923, cat. A16, b. 38, f. 2089, Roerich Nicola.


Matteo Bertelé e Giuseppina Giuliano

 



Slavi sul Dnepr, presentato a Venezia nel 1907
da  www.bifrost.it/SLAVI/Museo/Roerich-1.html

Indietro
Statistiche