Russi in Italia

Illaria (Evlalia) Vladimirovna Sokolova Amfiteatrova


Luogo e data di nascita: 1873
Luogo e data di morte: 1949
Professione: attrice e traduttrice

Studia all’Istituto Smol’nyj e poi al conservatorio di Pietroburgo, dove ha tra i suoi maestri Rimskij Korsakov e tra i compagni Nikolaj Kedrov, il futuro compositore e fondatore dell’omonimo quartetto. Per alcuni anni segue lo stesso percorso teatrale di Amfiteatrov, che sposa nel 1897, esibendosi come attrice drammatica e cantante col nome d’arte di Rajskaja. Abbandonata ben presto la carriera di attrice, continua a seguire la vita del teatro e, soprattutto, del MChAT e inizia una nuova attività di traduttrice di testi per i teatri russi (risulta aver tradotto, da sola o con l'aiuto di Amfiteatrov molte opere di Goldoni). La sua corrispondenza rivela rapporti amichevoli con Stanislavskij, Šaljapin, l’attrice Ermolova, Ol’ga Knipper e altri protagonisti del mondo artistico pietroburghese e moscovita. Durante il primo esilio del marito in Siberia lo sostituisce nell’attività di critico teatrale firmandosi Old Lady (Amfiteatrov usava lo pseudonimo di Old Gentleman).
Segue il marito in emigrazione prima a Parigi e dal 1906 in Italia e lo aiuta costantemente nella sua attività di scrittore e giornalista.
Nel periodo della seconda emigrazione italiana, a partire dal 1922, pubblica Negli artigli dei sovieti, drammatica testimonianza della rivoluzione e della prigionia a Pietrogrado, traduce alcuni testi di autori dell’emigrazione e continua ad affiancare Amfiteatrov nella sua attività letteraria.
Dopo la morte di Aleksandr Valentinovič (1938) collabora col giornale di Riga “Segodnja”, pubblicando vari articoli di argomento italiano fino allo scoppio della guerra, quando viene internata nei campi di concentramento di Offida (provincia di Ascoli Piceno) e Casacalenda (provincia di Campobasso). Infatti, nonostante i buoni rapporti del marito e dei figli Daniil e Maksim con il Partito fascista, non aveva mai ottenuto la cittadinanza italiana.
È sepolta nel cimitero di Levanto accanto al marito e a Vladimir Amfiteatrov-Kadašev.

Traduzioni
Amfitheatrov Alessandro, L’isola vergine. Unica trad. autorizzata di Ilaria Amfitheatrov e Piero Gadda. Prefazione di E. Cozzani, Milano, Bietti, 1930.
Teffi, Un romanzo d’avventure, traduzione dall’originale e introduzione di Ilaria Amfiteatrov, Milano, Bietti, 1932.

Bibliografia
A. P. Čechov, Polnoe sobranie sočinenij. Pis’ma, t. 11, Moskva 1982, p. 443.
K. D. Bal’mont, Gde moj dom : stichotvorenija, chudo×estvennaja proza, stat’i, očerki, pis’ma, Moskva 1992, pp. 401-414.
B. Ravdin, L. Fleishman, Ju. Abyzov, Russkaja pečat’ v Rige: iz istorii gazety "Segodnja" 1930-ch godov, V vol., Stanford 1997, pp. 226-229.

Nell'immagine foto del poeta Konstantin Balmont con dedica a Illaria Vladimirovna
http://www.nasledie-rus.ru/podshivka/pics/6117-pictures.php?picture=611730

Elda Garetto
Scheda aggiornata al 22 novembre 2013

Indietro
Statistiche