Russi in Italia

Narni, La Rocca

Laura Piccolo

Il castello, costruito dal Cardinale Albornoz nel XIV secolo, è trasformato in carcere da Gregorio XVI e con tale funzione passa allo stato italiano nel 1805. Nel 1905 il demanio vende il Castello per 13.000 lire – da versare a rate – al principe russo Sergej Meščerskij, che lo acquista forse in comproprietà con Ivan Bartenev, il quale risulta risiedervi negli anni Venti insieme a Feodosij Grim. Il bellissimo edificio che sovrasta la cittadina umbra rimane proprietà russa fino al 1972, quando passa alla famiglia romana dei Farenga che, nel 1984, lo vende al Comune di Narni e dalla provincia di Terni. Oggi il Castello è adibito a museo.
Secondo i documenti conservati all'Archivio Centrale dello Stato, nel 1920 la Pubblica Sicurezza raccoglie informazioni sugli abitanti e i frequentatori del castello. Ne risulta che Bartenev è infermo e non si reca quasi mai in città. Provvede ai suoi bisogni il suo cameriere Barovej che vive nel castello insieme alla moglie:

Il De Bartoneff è affetto da infermità alle gambe, che gli impedisce di uscire di casa: conosce in Narni tre o quattro persone (Sfliberti Arideo, Filipponi Giulio e Menacchi Ernesto), che però molto raramente frequentano la casa. Anche la moglie del cameriere Barovej è vecchia e malaticcia e non esce che rare volte di casa [...] Non risulta però che sia in relazione con elementi sovversivi locali e forestieri.


Indietro
Statistiche