Russi in Italia

Boris Vasilevič Anrep


Luogo e data di nascita: San Pietroburgo, 15/27 settembre 1883
Luogo e data di morte: Londra, 7 giugno 1969
Professione: pittore, mosaicista, teorico d'arte

Figlio del medico e professore pietroburghese Vasilij Konstantinovič (1852-1927) e fratello del fisiologo Gleb Anrep (1889-1955), discende da una famiglia estone-svedese insediatasi in Russia dal Settecento. Studia inizialmente al ginnasio di Char’kov, dove il padre si era trasferito insieme alla famiglia per motivi di lavoro. Qui fa la conoscenza del poeta Nikolaj Nedobrovo (1882-1919). Torna a Pietroburgo nel 1902, si iscrive all’Istituto Imperiale di Diritto (Imperatorskoe učilišče pravovedenija), per poi passare alla facoltà di Giurisprudenza dell’università di Pietroburgo, dove si laurea nel 1905. Nella capitale si trasferisce nel 1903 anche Nedobrovo. È proprio quest’ultimo a presentargli il pittore Dmitrij Stelleckij (1875-1947) che lo inizia a diverse forme d’arte: si appassiona alla fattura del mosaico, al disegno e alle forme plastiche, studia storia dell’arte. Nell’estate del 1903 Stelleckij gli scrive una lettera da Rimini e lo convince a seguirlo nel suo viaggio in Italia. Visitano insieme varie città del centro e del nord Italia e Anrep rimane affascinato in particolare dai mosaici bizantini di Ravenna e Venezia, cui lo spinge la sua predisposizione alla “astrattezza spirituale” e al simbolismo (Priključenija russkogo chudožnika, p. 30).
Nel 1908 decide di lasciare l’università e dedicarsi a tempo pieno all’arte. Si reca così a studiare a Parigi, dove lo attende Stelleckij: frequenta l’Académie Julian, l’Académie de la Palette e l’Académie de la Grand Chaumière. Da Parigi compie viaggi a Londra e Pietroburgo, persino in Turchia e Grecia per approfondire l’arte bizantina.
Tra il 1912 e il 1914 pubblica sulla rivista «Apollon» articoli teorici sull’arte e scrive versi in russo e in inglese.
Nel 1912 organizza la sezione russa all’interno della seconda mostra sui post-impressionisti, organizzata da Roger Fry alle Grafton Galleries di Londra (sceglie di esporre opere di D. S. Stelleckij, N. K. Rerich, M. F. Larionov, N. S. Gončarova e 6 lavori propri). L’anno seguente a Chelsea ha luogo la sua prima mostra personale alla Chenil Gallery (disegni e mosaici).
Nel 1914, tre giorni prima della partenza dell’artista per il fronte, Nikolaj Nedobrovo gli presenta a Pietroburgo Anna Achmatova, che gli dedica alcune poesie delle raccolte Belaja staja (1917) e Podorožnik (1921). Anrep stesso scrive versi e pubblica nel 1916 il poema Čelovek in «Al’manach muz».
Durante i due anni, in cui è al fronte in Galizia e Transcarpazia, si reca spesso in Russia per rivedere Anna Achmatova. Nel 1916 viene eletto membro del cenacolo artistico "London Group" e si trasferisce nella capitale anglosassone. Espone nel novembre 1919 Mosaic, Love, The Circus; nell’ottobre 1920 i mosaici A Lady with a Fan, The Embrace, The Fat Bride, Angel’s Head, e il quadro Histeria Urbis; nell’aprile 1923 Painting, Portrait of Miss M. V., Portrait of a Musician, A Dance. Rivede Achmatova tra la fine del 1916 e marzo 1917, poco prima della partenza definitiva dalla Russia per Londra.
Tra il 1917 e il 1926 vive a Londra, dove ottiene riconoscimenti come mosaicista ed espone alle mostre del London Group (1919, 1920 e 1923).
Nel 1924 riceve il nulla osta per entrare in Italia insieme alla seconda moglie Helen Maitland (1885-?, sposata nel 1918, da cui ha due figli, Anastasija e Igor’). Scopo del viaggio è l’acquisto di mosaici per i suoi lavori. Dichiara in questa occasione di essere già stato a Venezia (evidentemente nel viaggio con Stelleckij).
Nel 1926 lascia il London Group e torna a Parigi, dove apre uno studio privato che chiuderà solo nel 1965. Da qui si reca spesso a Londra per realizzare i mosaici dell’atrio della National Gallery (eseguiti tra il 1928 e il 1952), di Westminster Cathedral (negli anni Cinquanta) e della Tate Gallery. Proprio nei mosaici della National Gallery si riconoscono le tracce del suo rapporto con Achmatova. In Compassion si può infatti ammirarla distesa su un fianco con un angelo alle spalle. L’ultimo incontro con Achmatova avviene nel 1965 a Londra, dopo 48 anni di silenzio, in occasione del conferimento alla poetessa della laurea honoris causa della Oxford University.

Pubblicazioni
Besedy o živopisi, “Apollon”, 1912, n. 9,  pp. 18-24.
Po povodu londonskoj vystavki s učastiem russich chudožnikov, “Apollon”, 1913, n. 2,  pp. 39-48.
Besedy o živopisnoj technike, “Apollon”, 1914, n. 1-2 , pp. 76-91.
Besedy o živopisnom masterstve, “Apollon”, 1914, n. 8, pp. 32-51.
Čelovek, “Al’manach muz”, 1916, p. 13.
Beauty and the Beast, “The New Age” 1918, January 31, pp. 267–268.
O černom kol’ce, “Zvezda”, 1989, n. 6, pp. 56-62 http://www.akhmatova.org/articles/anrep.htm

Bibliografia
R. D. Timenčik, Boris Anrep, in Russkie pisateli 1800-1917, Moskva 1989, t. I, p. 90
L. Fleishman, Iz achmatovskich materialov v archive Guverovskogo instituta, in Achmatovskij sbornik I. Sost. S. Dedjulin, G. Superfin, Paris 1989, pp. 165-193.
Milner J., A Dictionary of Russian and Soviet Artists, 1420-1970, Woodbridge, Antique collectors club, 1993.
Severjuchin D. A., Lejkind O. L., Chudožniki russkoj emigracii (1917-1941), Sankt Peterburg, Iz.vo Černyseva, 1994.
Wilcox Denys J., The London Group 1913-1939: The Artists and Their Works, Aldershots, Scolar press, 1994.
A. Fardžen, Priključenija russkogo chudožnika. Biografija Borisa Anrepa, Sankt-Peterburg, Izd. žurnala “Zvezda”, 2003.
Literaturnoe zarubež’e Rossii. Enciklopedičeskij spravočnik, pod red. E. P. Čeliševa i A. Ja. Degtjareva, Moskva 2006.

Fonti archivistiche
Archivio Centrale dello Stato, Roma, Ministero dell’Interno, Direzione generale della Pubblica sicurezza, Affari generali e riservati, cat. A16, 1924, b. 15, f. 132, Anrep Boris (e moglie).

Link
http://artrz.ru/menu/1804836465/1804782394
http://www.nationalgallery.org.uk/paintings/history/sculptures-and-mosaics/
http://www.heritagetile.co.uk/birmingham_museum.html

http://www.tate.org.uk/art/artworks/roy-boris-anrep-in-his-studio-65-boulevard-arago-t03537/text-catalogue-entry

http://www.flickr.com/photos/55332319@N04/sets/72157625569198474



Giuseppina Giuliano
Scheda aggiornata al 24 agosto 2013

Boris Anrep Mosaic
http://www.heritagetile.co.uk/birmingham_museum.html




Boris Anrep in gioventù



Boris Anrep and his family. Museum of Fine Arts - Boston
freepages.genealogy.rootsweb.ancestry.com
 





Indietro
Statistiche